Close
Type at least 1 character to search
Back to top

NUMERO/2

In questo numero: nuovi orizzonti spagnoleggianti in casa Base/34, interviste shock, nascite improvvise, scandali napoletani, atti di tabagismo e tanto altro…

base/34

apre le ali per barcellona

Il team di designer, che ha ideato e progettato Ala/34, apre le porte e spicca il volo verso una della capitali Europee più affascinanti: Barcellona. WUF ( World Upcycling Fab) è un progetto che nasce tramite la collaborazione tra Base/34 e vari enti pubblici della Catalogna, come l’università IAAC e una ONG di Barcellona. L’obiettivo è la formazione di una comunità per far integrare persone come migranti, rifugiati politici ecc attraverso workshops, con lo scopo di condividere le proprie conoscenze, tradizioni e capacità

Intervista shock al CEO di Ala/34

Matteo Salini si toglie i “Sassolini” dalle scarpe.

Un’intervista che ha lasciato tutti a bocca aperta. Matteo Salini, co-founder e CEO di Ala/34, ha rotto il silenzio. Parole dure nei confronti del team di Enzima: “Sassolino mi ci potete chiamare solo nelle ore aperitivo, adesso basta.” Tommaso,  fratello di Matteo e Co-Founder di Ala/34, ha subito preso le distanze dissociandosi dalle parole durissime pronunciate nell’intervista concessa a Medicina 33 su Rai 2. Saranno in grado di ricucire questa ferita all’interno del coworking? 

 

nasce omnyacare

Fiocco azzurro ad Ala/34

Prende piede sempre più velocemente nel coworking una nuova realtà capitanata dal CEO Matteo Sassolino Salini: Omnyacare. L’azienda nasce al termine del 2020 e si propone di offrire soluzioni mediche a domicilio per tutti. Dopo che la startup ha ottenuto un’ottima traction,  in questo 2021 è ufficialmente pronta per andare a caccia di capitali per continuare a crescere ed espandere il business. Altra piccola nota positiva: Francesca, che si occupa di customer care per Omnyacare, è la new entry tra le postazioni di Ala/34. Benvenuta! 

 

Coworker napoletano

rischia l’esilio per motivi futili

Una classica giornata assolata stava passando nel nostro coworking quando S.B., ventitrenne romano, ha portato con sè un vassoio di Zeppole di San Giuseppe per festeggiare, insieme agli altri coworker, il suo compleanno. Purtroppo però, il giovane, ha esordito dicendo: “ragazzi, venite a mangiare! Ho portato i Bignè di San Giuseppe”. Da questo momento l’aria si è fatta molto pesante facendo drizzare le orecchie del nostro coworker napoletano: Paolo Boccamino.
Il giovane campano però, non volendo rovinare la festa a S.B., ha fatto finta di niente; insomma non ha corretto la parola bignè con zeppole. La Regione Campania ha subito approfondito la questione ed ora, il Boccamino, rischia la scomunica e l’esilio in terre remote. Le sue dichiarazioni: “Na’ Zeppola m’ha inguajàto a vita. 

 

tabagismo

altissimi livelli raggiunti qui ad ala/34

Da cosa ce ne siamo accorti?…tonnellate di mozziconi. Mozziconi ovunque, A terra, sui muri, sui mobili, la situazione è oramai diventata insostenibile. Tutta colpa di Galleria Varsi, che ha permesso a  Mr. Penfold di invadere il coworking con le sue “STUBBED CIGARETTE”. Quelli di Enzima sono stati visti fumare  all’interno del box, prendendo la print appesa nel loro box per un posacenere. L’episodio ha suscitato  l’ira dei I fratelli Salini , che hanno dichiarano “ Dobbiamo sbarazzarci di queste opere!, al più presto.”.

 

enzima & tra tra studio

altissimi livelli raggiunti qui ad ala/34

Le collaborazioni tra i nostri coworkers sono da sempre motivo di orgoglio per tutto il team di Ala/34. La più recente è stata quella tra Enzima, la marketing agency del box 1 e 2, e Tra Tra Studio, che fa della creatività e dell’arte visiva il suo core-value. Non c’è voluto molto tempo perchè la scintilla dell’intesa scoccasse, infatti, lo scorso weekend, hanno portato a casa uno shooting fotografico, per un’azienda di Milano, @selpizz. Non vediamo l’ora di vedere il risultato finale.